Le 10 gemme nascoste di PS1 che tutti hanno perso

La PlayStation è il campione indiscusso della quinta generazione di giochi. Sebbene la pura qualità dei migliori giochi per Nintendo 64 ( The Legend of Zelda: Ocarina of Time e Super Mario 64 ) abbia avuto un impatto maggiore sul settore rispetto a qualsiasi cosa sia stata rilasciata su PS1, è difficile negare la folle biblioteca di giochi di Sony.

Il Nintendo 64 non poteva competere in termini di quantità, e Sony ne aveva così tante con PS1 che c'erano giochi più che sufficienti per oscurare lo shovelware. Ancora più importante, l'enorme libreria della PS1 ha significato che molti grandi giochi sono stati oscurati da versioni più popolari.

10 scuole rivali

Il secondo gioco attuale, Devil May Cry e il regista di Dragon's Dogma, Hideaki Itsuno, ha lavorato a Rival Schools: United by Fate è un oscuro gioco di combattimento Capcom ancora più oscurato dal suo classico sequel cult sul Dreamcast, Project Justice . Quest'ultimo è il migliore dei due giochi, ma le scuole rivali non sono certo male.

È un gioco di combattimento serrato e affascinante con una quantità sorprendente di contenuti ovunque tranne che negli Stati Uniti. Le versioni estere dispongono di minigiochi che vanno lungo la modalità storia già abbastanza dettagliata (per l'epoca) e una modalità di creazione del personaggio che funge anche da sim di datazione.

9 Parasite Eve

Mezzo action RPG, half survival horror e adattamento di un romanzo di tutte le cose, Parasite Eve è uno dei giochi più unici su PlayStation. Ha visto due sequel - quello diretto anche su PlayStation - ma nessuno dei due è del tutto paragonabile all'originale. Ha una maturità emotiva che i giochi mancano ancora oggi.

È anche davvero spaventoso a differenza, diciamo, del primo Resident Evil . Parasite Eve gestisce probabilmente il suo orrore anche meglio di quello della prima Silent Hill . Non è così popolare come un titolo horror di sopravvivenza, ma chiunque abbia effettivamente giocato a Parasite Eve sarà sicuro di cantare le lodi del gioco in relazione ai suoi contemporanei.

8 armi selvagge

Wild Arms è uno dei giochi di ruolo più interessanti su PS1, non per la sua qualità, ma perché sembra un gioco intrappolato tra generazioni. Non è un gioco di ruolo per Super Nintendo, ma non corrisponde al livello di presentazione per il quale sarebbero diventati noti i giochi di ruolo PS1 successivi. Sembra quasi un gioco SNES leggermente rimasterizzato per PS1.

Detto questo, è ancora molto divertente da giocare grazie al suo sistema di battaglia, alla musica fantastica e al mondo veramente interessante. Wild Arms è il raro JRPG del selvaggio west. Mentre alla fine si appoggia su tropici in stile fantasy, l'ambientazione è sufficiente per rendere l'avventura degna.

7 Star Ocean: The Second Story

Per quanto riguarda le impostazioni uniche, Star Ocean: The Second Story è simile a Wild Arms in questo senso. Avendo luogo su un pianeta non sviluppato, il mondo di Star Ocean è in realtà incredibilmente avanzato - l'umanità ha già raggiunto i viaggi nello spazio - ma i pianeti che si stanno ancora sviluppando non devono interagire.

Naturalmente, il personaggio principale finisce per interagire con un pianeta sottosviluppato mentre li introduce accidentalmente alla tecnologia avanzata, ma conduce a uno dei migliori giochi di ruolo scritti su PS1. Inoltre, il gameplay d'azione frenetico e sempre caotico non è secondo a nessuno sulla console.

6 Alundra

Alundra è uno dei cloni più sfacciati e spudorati di Legend of Zelda sul mercato. È anche innegabilmente il migliore del gruppo. Basta schiaffeggiare l'estetica del franchise sul gioco e Alundra si sente come un naturale successore di A Link to the Past . È davvero un bel gioco e ha funzionato come una bella controparte quando il franchise di Zelda è passato al 3D.

Alundra mantenne lo spirito di 2D Zelda in un momento in cui 2D Zelda era stato relegato in palmari. Il suo sequel, Alundra 2, non è altrettanto buono, quindi è meglio attenersi al primo gioco in questo caso. Ha una grande storia, grandi enigmi e un design di gioco che fa davvero rivaleggiare con Zelda al suo meglio.

5 Le disavventure di Tron Bonne

Lo spin-off di Mega Man Legends, The Misadventures of Tron Bonne è un gioco incredibilmente strano che combina il gameplay di Legends, il dungeon in prima persona che striscia e il puzzle solving. A tutti gli effetti non dovrebbe funzionare, ma è senza dubbio il miglior gioco della sotto-serie di Mega Man Legends . Se non altro, è sicuramente il più interessante.

Tron Bonne stessa è un personaggio più avvincente di Mega Man Volnutt, quindi aggiunge qualcosa al suo gioco che non può. Ancora più importante, il gioco aiuta a perfezionare il tono e lo stile del mondo di Legends . Per chiunque continui a provare la cancellazione di Mega Man Legends 3, gioca a The Misadventures of Tron Bonne .

4 Legend Of Legaia

Legend of Legaia è un gioco incredibilmente strano. La sua sceneggiatura non è poi così eccezionale, ma la sua storia è sorprendentemente matura e ha gestito temi orribili con tatto. I suoi modelli fuori combattimento non sono piacevoli nemmeno per l'epoca, ma lo stile e l'uso del colore del mondo fanno risaltare la grafica. Il combattimento sembra quasi contorto a prima vista, ma porta a profondità di gioco che mancano ad altri giochi di ruolo.

Il sequel di PlayStation 2 non riesce a stupire, ma l'originale Legend of Legaia vale ancora la pena giocare oggi. È un gioco di ruolo con tanto amore e cura nei dettagli più fini. Non attacca sempre l'atterraggio, ma è un classico di culto per una buona ragione.

3 Saga anello lacrimale

Un'esclusiva giapponese (anche se con una patch inglese), Tear Ring Saga è stata diretta da nientemeno che dal creatore di Fire Emblem, Shouzou Kaga. Tear Ring Saga è stato il modo non sottile di Kaga di continuare la serie Fire Emblem dopo essersi separato da Nintendo dopo l'uscita di Thracia 776 .

Sfacciatissima fregatura a parte, Kaga è il creatore della serie e Tear Ring Saga è buono quanto il miglior gioco di Fire Emblem . Ha una grande storia, un cast abbastanza ben sviluppato e un eccellente design delle mappe. Tear Ring Saga avrebbe visto un sequel su PS2, ma da allora il franchise è più o meno morto in acqua.

2 Persona 2: Innocent Sin

Un'altra esclusiva giapponese, questa in realtà ha una versione inglese ufficiale da affiancare alla sua patch inglese. In ogni caso, Persona 2: Innocent Sin è un classico di PlayStation 1. Non è del tutto all'altezza dell'eredità del suo franchising in termini di difficoltà, ma ha facilmente la migliore storia di Persona .

Meglio ancora, ha un sequel diretto in Persona 2: Eternal Punishment che, sebbene non altrettanto buono, riesce a seguire Innocent Sin in un modo incredibilmente soddisfacente. Entrambi i giochi sono pensati per essere giocati schiena contro schiena, quindi, mentre Innocent Sin è un gioco perfettamente a sé stante, giocare a Eternal Punishment è necessario per vivere l'intera storia.

1 Legend Of Mana

Legend of Mana è un gioco difficile da raccomandare. Non spiega quasi nulla al giocatore, aspettandosi che scoprano solo come costruire un mondo e innescare tre archi narrativi non lineari mentre completano missioni varie, allevando mostri, coltivando e forgiando armi lungo la strada. È travolgente, ma vuole anche che il giocatore faccia quello che vuole.

Legend of Mana è un videogioco che vuole davvero essere un videogioco. È pieno di significato e contenuti incredibilmente progettati, ma il fatto che sia così a mano libera è ciò che lo rende un gioco così buono. I giocatori possono fare quello che vogliono quando vogliono. Cosa non piace di un gioco che abbraccia il mezzo?

Raccomandato

Fallout 76: le 10 migliori mutazioni nel gioco, classificate
2019
Dark Souls 3: le 10 zone più difficili classificate per difficoltà
2019
Pokémon: le 10 migliori mosse avvelenate, classificate
2019